Cinque uomini con poca voglia di dormire si trovano alle 6 di mattina con un solo scopo: portare la filosofia Emissioni Zero al comprensorio del Fai della Paganella.

Arrivo ore 9, caffè e brioche di rito e ci si dirige in biglietteria, 30€ per tutto il comprensorio che prevede Fai della Paganella, Andalo e Molveno.

Iniziamo a scaldarci subito sulla traccia “Peter Pan” una blu tutta curve e con un ottimo ritmo, così da dimenticare le ore in auto.

Prima discesa: la Peter Pan!

Prima discesa: la Peter Pan!

Si risale e proviamo la rossa “easy rider”, lo dice la parola stessa! Bella bella bella!

Per sicurezza le rifacciamo all’istante a velocità fotonica scambiandoci le posizioni per “darci fastidio”!

A metà mattinata ci siamo spostati ad Andalo utilizzando una strada tagliafuoco partendo direttamente da Merits, circa 15 minuti di pedalata.

Per non saper né leggere né scrivere ci siamo buttati su una traccia bella scassata, umida e piena di radici che porta giusto giusto alla cabinovia di Andalo, la n°787.

Ovviamente Io (Dario) ed il buon Ale Ceck ci stendiamo entrambi a tre metri di distanza nel fango senza conseguenze e poco dopo Andrea si esibisce in un front flip a velocità nulla nel sottobosco.

Andalo ha principalmente 2 tracce, sono incredibili: veloci, perfette per ogni skill e che ti stampano un sorriso in faccia da ebete. Abbiamo fatto più e più volte la Hustle&Flow e Willy Wonka: rappresentano nell’eccellenza cioè che IMBA propone da anni.

Pranzo veloce al rifugio Dosson, dove abbiamo mangiato bene e ci hanno deliziato con uno strudel gelato e cannella (tanta roba)

Nel pomeriggio ci siamo spostati a Molveno, la prima cosa che si vede è il lago: sembra disegnato, quasi quasi vorresti rimanere lì ad ammirarlo! …ma noi siamo rider, e l’idea di filosofeggiare sui sentimenti tra di noi non era proprio il massimo!

A Molveno c’è la famosissima “Big Hero”, una traccia verde dove, come dice il cartello, non si pedala e non si frena, si “pompa” e basta!

Il cartello posizionato all'inizio della Big Hero

Il cartello posizionato all’inizio della Big Hero

Non meno divertenti la “Blade Runner” e la “Goonies”, la prima mi fa fatto proprio innamorare per il suo ritmo mentre la seconda è un single trail che forse meriterebbe più attenzione

La nostra giornata si conclude con dei sorrisoni e tanta soddisfazione davanti a delle meritatissime birre vista lago.

Tirando le somme della giornata possiamo dire che:

  • il comprensorio è spettacolare, molto curato in ogni sua parte, ci sono indicazioni dappertutto sui sentieri e sui collegamenti;
  • può andarci chiunque: ci sono trail per ogni tipo di skill, da quelli veloci a quelli tecnici, dalle verdi alle doppia nera
  • i paesaggi: vale la pena andarci anche solo per questo, fidatevi!
  • La sensazione di essere in vacanza…
I Paesaggi con la P maiuscola non sono mancati

I Paesaggi con la P maiuscola non sono mancati

Insomma, giornata come al solito spettacolare e piena di soddisfazioni, non vedo l’ora di tornarci, magari per più giorni!